Approvate la proposta d’iniziare le lezioni il 10 novembre, spostando l’appello di dicembre a gennaio. Le lezioni riprenderanno a inizio di febbraio per finire a metà maggio?

Approvate la proposta di abolire l’appello di settembre, per spostarlo a fine maggio

HELP

Lasciate qui ogni commento, dubbio, perplessità che vi assilla sulla nostra facoltà, e ricordate che i nostri ragazzi sono a completa disposizione per aiutarvi nella "Selva Oscura" in cui vi trovate... oppure contattateci via e-mail a: jurexsapienza@gmail.com

sabato 9 febbraio 2008

Giorgia Meloni: “La Giornata del Ricordo sia un punto di partenza verso la costruzione di una memoria nazionale condivisa”




L’Italia ha la giusta maturità per conoscere se stessa. Bisogna avere il coraggio di raccontare, nel bene e nel male, la nostra storia nazionale. Non serve abbiamo bisogno di arrivare in Bolivia per cercare dei simboli: l’excursus storico dell’Italia è costellato di eroi, che si sono battuti per far si che il sogno di costruire questa comunità nazionale prendesse vita, compresi coloro che persero la vita a Trieste a 17 anni per farla tornare italiana e chi dalle terre istriano - giuliano - dalmate abbandonarono tutto pur di restare italiani. Il mio sogno è che tra dieci anni, ogni nostro connazionale indossi per il 10 febbraio il fiocco tricolore, che rende omaggio alla memoria dei martiri uccisi nelle foibe e a quei 350 mila esuli, che hanno pagato per tutti il prezzo di una guerra mondiale persa. La Giornata del ricordo è un punto di partenza, non di arrivo, dal quale far partire una memoria nazionale condivisa”, Giorgia Meloni, vicepresidente della Camera dei Deputati interviene così alla conferenza stampa di presentazione delle iniziative organizzate dal Comitato 10 febbraio, in occasione della “Giornata del Ricordo” . Presenti al dibattito, che ha commosso la platea grazie alla testimonianza della Professoressa Giuseppina Sicchi, esule fiumana di 94 anni, anche il professor Sinagra, docente dell’università La Sapienza di Roma e Federico Blasevich, presidente del Comitato 10 febbraio. “Abbiamo fondato questa associazione, per poter raccontare quello che è successo 60 anni fa in Istria, a Fiume e in Dalmazia. Il comitato lavorerà 365 giorni l’anno, anche attraverso iniziative di volontariato internazionali volte alla riscoperta di una storia che ci appartiene e che unisce”, ha spiegato Blasevich, figlio di esuli fiumani. “Norma Cossetto, uccisa dai nazi-fascisti: è questa la targa che campeggia presso l’università di Padova, che chiarifica il tentativo di nascondere la verità di una storia negata per 60 anni. Norma Cossetto era una ragazza istriana che venne violentata da 17 aguzzini prima di essere gettata in una foiba senza seni, senza unghie e con un palo conficcato nella vagina. A chi mi chiede perché, nonostante le mie radici siciliane, considero così importante raccontare quanto patito dagli italiani del confine orientale rispondo che il dramma delle foibe e dell’esodo fanno parte della mia stessa nazione, della mia terra e quindi sono una mia ferita”, ha spiegato il professor Sinagra. “Fiume è stata e sarà sempre la mia casa, e non passa giorno in cui non penso alla mia città sul mare. Sono viva per miracolo, nonostante abbia vissuto sulla mia pelle soprusi e umiliazioni. Mi sembra ancora di vivere quei momenti che mai potrò dimenticare”, ha raccontato la professoressa Sicchi. Il prossimo appuntamento del comitato è fissato per domani, 8 febbraio, alle ore 10,00, al Teatro Brancaccio di Roma, nel corso della quale è prevista la partecipazione di oltre 3000 studenti.

Non era facile ottenere tutto questo ma: grazie alla presenza di un Capo dello Stato indegno di tale carica;

grazie alla classe politica sinistra che ci ritroviamo;

grazie all inettitudine di chi voleva governare;

grazie ad una magistratura che assomiglia sempre più ad un potere occulto e dipendente dalle ideologie;

e grazie al nutrito gregge di pecore che imperversa dalle università alle manifestazioni di piazza in nome di diritti assurdi e mai di doveri,ci sono riusciti!
Ora con le elezioni si risolveranno tutti i nostri problemi?? Assolutamente no!
Ma dopo aver toccato e raschiato il fondo non si può che risalire!

STA A NOI!





Azione Universitaria fa blitz a La Sapienza durante l'inaugurazione anno accademico

E’ una contestazione robusta e determinata nei toni ma serena e responsabile nelle modalità quella che i ragazzi di Azione Universitaria Roma hanno effettuato la mattina del 17/01/2007 per protestare contro l'inaugurazione dell' anno accademico sotto al Rettorato de La Sapienza. Invocando a gran voce le dimissioni del Rettore Guarini e del Ministro Mussi, i ragazzi del movimento studentesco legato ad Azione Giovani hanno esposto striscioni di protesta, come: “Il Papa se ne va i Baroni restano”, “Censura e teppismo questa è la laicità”. “Abbiamo chiesto al Rettore Guarini, dal quale pretendiamo delle immediate dimissioni, di ricevere una delegazione dei manifestanti che questa mattina, spontaneamente, si sono ritrovati sotto al Rettorato. Siamo stanchi dell’atteggiamento passivo che le istituzioni universitarie dimostrano ogni qual volta gruppi di facinorosi imbecilli, che qui rappresentano una sparuta minoranza insieme ai cattivi maestri che li fomentano con deliranti appelli, decidono di trasformare l’ateneo in una discarica ideologica. Crediamo che il silenzio e la mancata presa di posizione del Rettore abbiano avuto un’importanza determinante rispetto alla figuraccia che la Sapienza ha fatto di fronte a tutto il mondo. Aspettiamo ora di capire se intenderà darci una risposta o se come al solito si sottrarrà alle responsabilità che il ruolo di garante della pluralità e democrazia all’interno dell’ateneo comportano”, dichiarano Matteo Petrella e Cristian Alicata, rispettivamente dirigente nazionale e provinciale di Azione Universitaria.

mercoledì 28 novembre 2007

Ndrangheta, una realtà sconosciuta e pericolosa

Ha riscosso grande successo tra i giovani studenti l’interessante convegno “‘Ndrangheta, una realtà sconosciuta e pericolosa”, svoltosi nei giorni scorsi all’università “Sapienza” di Roma e promosso dai ragazzi di “Azione universitaria”. “Questo è soltanto il primo di una serie di incontri incentrati sulla criminalità organizzata che attanaglia l’Italia condizionandone la crescita e lo sviluppo. Abbiamo intenzione di porre l’accento su queste problematiche perché consideriamo la legalità e la sicurezza delle assolute priorità nazionali”, spiega Cristian Alicata, dirigente provinciale di AU, nonché moderatore del dibattito. Hanno partecipato l’onorevole Angela Napoli membro della commissione parlamentare d'inchiesta sulla mafia, Nicola Gratteri, sostituto procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, e il giornalista e scrittore Orfeo Notaristefano, autore del libro Cocaina Connection.
Nel video che segue alcuni frammenti dell’appassionato intervento di Notaristefano.









da www.comunicalo.it

UNIVERSITY PARTY

venerdi 30 novembre 2007 presso la facoltà di giurisprudenza della "Sapienza" con inzio alle ore 21.30 ci sarà l' UNIVERSITY PARTY con gli ONDE DURTO, DARK COUSIN E I FINE SOLUTION. Dalla mezzanotte in poi ci sarà la disco music anni 70-80-90-2000 e oltre...
INGRESSO GRATUITO

lunedì 7 maggio 2007

Finalmente un' aula studio a Giurisprudenza



Chiediamo che sia creata un' "Aula Studio" aperta a tutti gli studenti e che non ci siano discriminazioni nei confornti degli studenti non conformi al pensiero "sinistro" del "collettivo" , unico gruppo universitario ad avere un'aula a loro esclusivamente riservata.
Dopo aver raccolto 200 firme affinchè ciò avvenga, e dopo non aver ricevuto nessuna risposta, abbiamo deciso di agire in modo autonomo, affinchè il nostro gesto possa attirare l'attenzione di qualcuno e porre fine a questi "favoritismi" riservati ad una sola parte dei gruppi di rappresentanza studentesca.
UNISCITI A NOI NELLA LOTTA PER I DIRITTI DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

AULA IX...
...UN'AULA APERTA A TUTTI GLI STUDENTI

mercoledì 18 aprile 2007

Aula d'informatica

GRAZIE AD

AZIONE UNIVERSITARIA

ABBIAMO UN’ AULA D’INFORMATICA!

Dopo anni di battaglie,nel 2007 è stata aperta l’aula multimediale!

La sala computer è situata nell’istituto di diritto della navigazione nei prossimi giorni dovrebbe essere aperta a tutti gli studenti di giurisprudenza .

La prossima battaglia che abbiamo avviato è l’aggiornamento del sito internet della facoltà.

FACCIAMO USCIRE LA FACOLTA’ DAL MEDIOEVO!

Aula Occupata

E’ GIUSTO CHE IL COLLETTIVO HA UN AULA OCCUPATA ABUSIVAMENTE ?

LE ALTRE LISTE STUDENTESCHE NON HANNO DIRITTO ANCHE LORO DI UNO SPAZIO ?

VISTO CHE LA FACOLTA’ NON PERMETTE NUOVI SPAZI CHIEDIAMO CHE L’AULA OCCUPATA DAL COLLETTIVO SIA ADIBITA A TUTTE LE COMPONENTI STUDENTESCHE


FIRMA LA PETIZIONE

AZIONE UNIVERSITARIA ROMA

destra studentesca